Pillole di SEO

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

SEO & SEO per migliorare la visibilità e dare le scalate alle SERP!

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Questo link vi porterà alla pagina di uno dei migliori tool per la ricerca e il consolidamente delle keyword da utilizzare nelle nostre pagine web!

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

A partire dalla versione 3.3 di Joomla, il team di sviluppo ha implementato stabilmente i cosiddetti Microdati o Rich Snippets che fanno parte del markup HTML5; a riguardo ancora ci sono idee parecchio confuse e molti utenti mi hanno chiesto chiarimenti anche perchè, nella versione Joomla appena citata, non si capisce come attivarli visto che non c'è traccia all'interno delle rispettive aree destinate alla gestione delle estensioni.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Questi tag vengono utilizzati per enfatizzare piccole porzioni di testo all'interno di una pagina web, come per esempio nei titoli o nei sottotitoli. La grandezza dei caratteri prodotti dai tag h1, h2 e h3 è sempre regolato dal CSS della pagina e dovrebbe essere a scalare; ossia il primo è il più grande di tutti e poi gli altri due sono leggermente più piccoli.

 

Si tratta quindi di vere e proprie intestazioni che risultano essere molto gradite ai motori di ricerca e quindi vanno certamente usati, senza però mai abusare, inserendo al loro interno una o due parole chiave che abbiano un riferimento diretto con il contenuto dell'articolo a cui appartengono. In buona sostanza questi tag devono migliorare l'aspetto della pagina web prodotta, favorire la leggibilità e l'aspetto grafico; teniamo ben presente che la loro presenza se ripetuta artificiosamente, per cercare di ottenere dei benefici nel posizionamento all'interno dei motori di ricerca, potrebbe essere inutile se non addirittura controproducente.

 

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Link buildingAssolutamente si! Anzi, direi che i moderni siti non ne dovrebbero fare a meno; in parole povere il Link building è la tecnica utilizzata per riuscire a ottenere link alle nostre pagine ma inseriti su altri siti che evidentemente ci citano in maniera naturale perchè ci ritengono autorevoli e importanti.

Questo tipo di comportamento "naturale" e non creato ad arte (tramite per esempio i famosi quanto obsoleti e inutili scambi di link) è riconosciuto dai motori ricerca ed è tanto più premiato quanto più naturale e attinente ai contenuti di cui si parla nella pagina.

E' una tecnica che va affinata nel tempo e adoperata con cognizione di causa perchè incorrere in qualche penalizzazione da parte dei motori di ricerca è molto facile visto che la fretta e la voglia di emergere nelle SERP (Search Engine Results Page) è sempre predominante in tutti i webmaster che iniziano a occuparsi di SEO, tanto da essere quasi sempre tentati di percorrere vie non proprio etiche nel tentativo di ottenere qualche link in più verso il nostro sito.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Da qualche tempo si sta affinando una nuova tecnica SEO che però poggia le basi su ragioni logiche e di etica che, da sempre, tutti i webmaster dovrebbero adottare nei propri siti; sto parlando del Content marketing che rappresenta una tecnica di marketing per acquisire e attrarre nuovi visitatori tramite la creazione e la distribuzione di contenuti particolarmente rilevanti e di valore. Tutto questo ha l'obiettivo di guidare l'azione di risposta dei clienti facendo in modo che sia la più redditizia possibile.

L'essenza di questo tipo di strategia è evidente: se siamo in grado di fornire informazioni coerenti e di valore, gli utenti premiano il nostro business con la loro presenza e lealtà nel tempo; i massimi esperti del settore sono convinti che le maniere tradizionali di fare marketing siano già in fase avanzata di obsolescenza, gli acquirenti di un certo prodotto o servizio sanno muoversi in rete per cercare quello che vogliono, sono sempre meno attratti da banner pubblicitari e da articoli artificiosi mentre sono attirati da tutto ciò che è originale e spontaneo e che, soprattutto, arriva direttamente al cuore del problema senza per questo dover essere un palese messaggio pubblicitario.

Tutto questo è ancora più vero se consideriamo che i motori di ricerca moderni sono perfettamente in grado di capire se un contenuto è di bassa qualità (o perggio scopiazzato da altri siti) e riescono, di consenguenza, a penalizzare o a premiare l'editore a seconda dei casi. Scrivere contenuti di qualità non è facile nè immediato, probabilmente alcuni sono più preparati di altri ma è comunque la strada maestra da percorrere, cercando di iniziare dal basso e lavorando per migliorarsi nel tempo, i risultati saranno certamente premianti più di quanto ci si possa aspettare, buon Content marketing a tutti!